Il mio exchange year

Ciao a tutti!

Mi chiamo Virginia, ho 17 anni e ora mi trovo negli Stati Uniti, in Michigan, per frequentare il quarto anno scolastico e sicuramente il più bello della mia vita.
Penso proprio che questo sia un anno unico, ricco di grandi esperienze e nuove opportunità dove un ragazzo inizia a crescere, ad aprirsi meglio, scoprire, incontrare nuovi amici e affrontare nuove avventure.

Sono partita il 15 Agosto e, prima di incontrare la mia host family, ho partecipato al soft landing camp a New York per 5 giorni. Qui ho avuto l’occasione di conoscere ragazzi provenienti dall’Italia e altri Paesi europei, che come me stanno facendo lo stesso percorso e con i quali ogni tanto ci sentiamo per chiederci come sta andando la nostra avventura.
Tra una risata e l’altra ce la siamo proprio “gustata” questa New York, visitando bellissimi posti e mangiando solo insalate per poi lasciarci andare con le “ciccionerie” una volta arrivati nella nostra nuova casa.



Passati questi fantastici giorni, finalmente è arrivato il grande momento della partenza verso la mia host family, la quale mi ha accolto calorosamente con abbracci e cartelloni, facendomi sentire subito a casa! Da quel giorno tutto cambia. È come sentirsi catapultati da una realtà ad un’altra, passare da un giorno all’altro dal parlare tranquillamente italiano al parlare inglese con le prime difficoltà.

Già dal primo giorno ho incontrato persone fantastiche (nonni, zii, cugini, amici di famiglia…) che mi hanno considerata da subito come una di loro e questo mi ha fatto sentire il calore della famiglia! Ogni giorno scopri cose nuove, interessanti, completamente diverse da quelle che sei abituato a vedere da 17 anni, per te anche “inimmaginabili”!! Ma è questo il bello di questa nuova esperienza!

Il mio paesino si chiama Farwell, dove vivo con i miei host parents Shelley e Greg, Gabi anche lei exchange student dal Brasile con la quale ho un bellissimo rapporto e ormai la considero proprio come la mia sorella, e infine Tiki il nostro cagnolino.

 

La scuola è COMPLETAMENTE diversa da quella italiana, ma non è nemmeno uguale a quella che solitamente si vede nei film. Con i professori ho un bellissimo rapporto, sono proprio come degli AMICI che ti raccontano la loro vita, i loro problemi, ti fanno divertire... non sono come gli insegnanti in Italia che tengono distinto il loro ruolo di insegnante da quello dello studente. Amo decisamente la mia High School perché ho fatto un sacco di amici sia Exchange students che ragazzi americani con i quali passo ogni pomeriggio facendo attività post-scolastiche, sport e palestra.

Anyways, ormai sono 3 mesi che sono partita e ne vado davvero fiera perché mi rendo conto di quanto sia stata fortunata ma soprattutto coraggiosa a prendere una decisione così grande di andarmene negli States per dieci mesi. Ricordo ancora quando le persone mi dicevano “non ce la farai mai a stare via di casa per un anno”, dentro di me gridavo “Perché no? Perché non dovrei farcela?”. Ho attraversato difficoltà e paure da sola, senza lamentarmi e scoraggiarmi ma soprattutto senza il supporto e l’aiuto della mamma o del papà nei momenti del bisogno. Anche ora ci sono dei momenti difficili ma ormai ho imparato che devo arrangiarmi da sola e di questo ne vado fiera perché mi aiuta a crescere e mi fa capire cosa è meglio fare oppure no, a pensare per conto mio, comunque ho capito che “sbagliando si impara”. È questo il vero scopo di questa avventura, no?

Sto imparando ad osare e a lasciarmi andare anche se con qualche timore, ho fatto tante cose che non avrei mai pensato di fare, conoscendo il mio carattere timido. Un esempio? Prendere da sola due aerei con uno scalo a Detroit nel suo immenso aeroporto, presentarmi in inglese con un microfono in mano davanti a tutta la mia scuola. E chi l’avrebbe mai detto? Io no di sicuro. E non potete neanche immaginare come mi sia sentita dopo… è stata un’emozione fresca, stupenda, indimenticabile! Sono gradini che sto facendo da sola e che dopo averli superati mi fanno ridere perché mi rendo conto che non sono poi così difficile affrontare.

Quindi, l’unica cosa che vi dico è BUTTATEVI, INIZIATE QUESTA NUOVA ESPERIENZA CHE RESTERÀ PER SEMPRE CON VOI ED È L’UNICA COSA DI CUI NON VE NE PENTIRETE MAI!

A presto,

Virginia

Close
Grazie per l'interesse! Compilando questo form riceverai le informazioni richieste o sarai contattato. I tuoi dati personali saranno custoditi in ambiente sicuro e non saranno condivise informazioni con terze parti. Rimanendo nella nostra mailing list riceverai aggiornamenti, news ed offerte speciali, così come inviti a meeting informativi e incontri. Per favore, seleziona se accetti o meno i termini.